BLOG

Truffe agli anziani, come evitarle: la guida di Progetto Famiglia Network

By: | Tags: | Comments: 0 | ottobre 7th, 2016

Condividi su...Share on Facebook46Tweet about this on TwitterPin on Pinterest0Share on Google+0Share on LinkedIn1Email this to someone

Possono presentarsi come operatori di enti pubblici, venuti a controllare il contatore dell’acqua, l’allacciamento elettrico. Oppure l’insidia può arrivare via telefono, con una chiamata di un presunto – e sempre dimenticato – parente lontano, che ha inevitabilmente bisogno di un prestito. Quando si va per strada, invece, provano a chiederti di cambiar loro dei soldi, o di stare ad ascoltare le interessanti proposte di finanziamenti agevolati, accompagnandoti fino alle Poste o dentro una banca. Cambia la forma, ma rimane immutata la sostanza: le truffe agli anziani sono un pericolo costante. Basta sfogliare la cronaca locale e nazionale per trovare esempi. Sono soprattutto gli anziani soli, spesso donne magari vedove, ad essere prese di mira.
Progetto Famiglia Network vuole quindi fornirvi una guida, con link di approfondimento disponibile a breve, per aiutarvi non solo a prevenire, ma a tenervi aggiornati sulle truffe che accadono nel territorio italiano. Proprio questo è un primo punto fondamentale, che vale per anziani e i loro parenti: tenersi informati sulle nuove tipologie di truffa, un mercato purtroppo sempre in rapida evoluzione, è decisivo. Prevenire in questo caso è veramente, come si dice nel gergo comune, meglio che curare: dimostrare una truffa, individuare i colpevoli e recuperare il maltolto non è semplice, dal punto di vista investigativo e giudiziario.

Truffe agli anziani, i consigli della Polizia

La Polizia di Stato offre, e aggiorna spesso, dei consigli pratici per evitare di cadere nelle truffe. Avevamo approfondito i suggerimenti in un apposito post, ve li ricapitoliamo anche qui in maniera schematica.

  1. Non aprite mai la porta di casa agli sconosciuti. Gli enti pubblici NON mandano mai personale in divisa a raccogliere soldi, a ritirare bollette o quant’altro. Se qualcuno vi suona chiedendo di verificare contatori o dati, lasciatelo fuori e fatevi dare un numero di telefono da chiamare per verificare l’effettivo invio della persona. Vedrete che la maggior parte di questi sedicenti controllori se ne andranno. In ogni caso, nel dubbio: porta sempre chiusa.
  2. State molto allerta nei periodi in cui si va a ritirare la pensione o ci sono scadenze fisse per pagamenti.Molto spesso si possono trovare all’esterno di uffici postali o banche personaggi, sempre molto eleganti, che vi prospettano un guadagno facile, dei tassi agevolati o cose del genere. Non fermatevi MAI con queste persone. Se potete fatevi accompagnare.
  3. Fidatevi della vostra memoria: i parenti li conoscete. Diffidate – ed è l’ultima tendenza – da presunti parenti che vi bussano alla porta di casa o, spesso, vi chiamano al telefono. Finiranno per chiedervi dei soldi, passando anche a toni minacciosi se serve. Non date loro corda, non aprite la porta e chiudete la conversazione telefonica.
  4. Per qualsiasi dubbio, se siete soli, chiamate un vostro parente, rivolgetevi al vicino di casa e se serve allertate le forze dell’ordine. Meglio essere diffidenti in questi casi.