BLOG

Sculacciate ai bambini: perchè è sbagliato

By: | Tags: | Comments: 0 | settembre 15th, 2016

Condividi su...Share on Facebook0Tweet about this on TwitterPin on Pinterest0Share on Google+0Share on LinkedIn0Email this to someone

La sculacciata – così viene definito l’atto di colpire ripetutamente con la mano aperta le natiche di un’altra persona, inflitto per provocare dolore a scopo correttivo nei confronti di bambini – un tempo metodo educativo se non gradito perlomeno tollerato, oggi è non solo considerato fuori luogo ma addirittura causa di disturbi comportamentali non trascurabili.

La sculacciata, infatti, potrebbe favorire la nascita, da adulti, di atteggiamenti aggressivi, ansiosi e insicuri. Questa non è una novità, in quanto già numerosi studi, pubblicati negli ultimi anni, avevano portato alla stessa conclusione.

Lo attesterebbe uno studio pubblicato su Journal of Family Psychology condotto da ricercatori dell’Università del Texas e del Michigan su un campione di 160mila persone, seguiti per un periodo di circa 50 anni.

Secondo questo studio, educare i bambini con metodi punitivi e coercitivi – la sculacciata appunto o anche lo schiaffo leggero – li renderebbe individui aggressivi, con la possibilità di maturare disagi sociali e difficoltà cognitive.

Grogan-Kaylor dell’Università del Michigan e autore del lavoro spiega:

Il risultato finale della ricerca è che le sculacciate provocano reazioni negative nei bimbi. Producono atteggiamenti opposti a quelli voluti dai genitori

Gli fa eco Elizabeth Gershoff, docente di Sociologia della famiglia all’Università del Texas di Austin:

Questo tipo di punizione rischia di provocare nei bambini l’atteggiamento opposto di quello desiderato dai genitori. Abbiamo scoperto che ‘la sculacciata’ era associata a risultati negativi e non a un maggior rispetto delle regole o a atteggiamenti di ubbidienza. Esattamente il contrario di quanto vogliono i genitori quando puniscono in questo modo i figli.

Repubblica riporta anche il parere di Anna Oliverio Ferraris, psicologa e psicoterapeuta, esperta in temi di educazione e autrice del libro Non solo amore, i bisogni psicologici dei bambini(edizione Giunti):

Quello che emerge da questo ultimo studio è noto da tempo. E poi c’è sculacciata e sculacciata. Un conto è quella in grande stile che è umiliante, un conto è un solo colpo lieve mentre il bambino è in piedi e magari sta allontanandosi.

Un NO secco, quindi, alla sculacciata e agli altri metodi educativi punitivi.